La dote

La tuvaja nova di Pippi Onesimo Solo dopo un accurato controllo igienico delle mani, ci si poteva finalmente riunire per il pranzo, mentre i più piccoli, impazienti e nervosi, nnu ssi dàvano cansa, passando e ripassando attorno al tavolo. La fame era più grande di loro, ma anche l’artètica e li dispietti, ripetitivi e sfiancanti comu ‘na litania. Era ‘nu vurrisciare continuo e per questo qualche castima, dalla attigua ramesa, di tanto in tanto, prendeva il volo. Il padre di Chicco si faceva sentire. Si aspettava che la mamma, che sfaccendava per preparare il pranzo fra il camino e l’ampio stipo a muro, portasse a tavola le pietanze. Più che […]

Artigianato salentino

Ecco le terrecotte salentine di Marcello Gaballo e Armando Polito In questo lavoro, che è l’adattamento di due nostri precedenti resi pubblici in www.spigolaturesalentine.it, passeremo in rassegna gli oggetti più comuni messi in vendita ricordando che parecchi di loro sono riusciti a sopravvivere per l’indubbio pregio artistico (così da diventare oggetto d’arredamento, tanto più ricercato quanto più antico) ma anche per una reinvenzione del loro utilizzo e, in qualche caso, della loro forma, soprattutto nei dettagli decorativi. CÀNTARU Antenato del water (nella foto a sinistra due modelli “d’epoca” in quella a destra uno molto raffinato, di fattura moderna), fino agli anni cinquanta è stato il sanitario principale, se non unico, della […]

Il basilisco

Un piccolo rettile al centro di una stupida credenza neritina dei secoli scorsi ATTENTI AL BASILISCO! Chiunque avesse incrociato il suo sguardo, sarebbe rimasto paralizzato o morto all’istante di Emilio Rubino Il basilisco (vasiliscu per gli amanti del dialetto salentino), nome di derivazione greca  (βασιλίσκος),  è un piccolo rettile che a malapena raggiunge i 50 cm. di lunghezza. Oggi è quasi del tutto scomparso. I pochi esemplari superstiti s’incontrano immobili sulle pietraie o nei campi incolti a godersi il caldo sole d’estate. A vederli, sembrerebbero delle bestiole insignificanti per le modeste dimensioni e per l’innata paura dell’uomo. Avevano tutt’altra opinione i popolani di Nardò dei secoli andati, molti dei quali […]

In giro per il Salento

Galatina La Camara, un gioiello dimenticato di Massimo Negro Immaginate di vivere in una vecchia masseria nel Salento, circa quarant’anni fa. Una masseria con mura spesse, possenti. Quelle esterne, così come quelle interne. Immaginate di trovarvi in una stanza, non una stanza anonima perché la porta di ingresso lasciava pensare ad un’antica chiesetta, ma completamente spoglia, con mura imbiancate a calce. In questa stanza una parete, ogni volta che vi appoggiavate, poggiavate qualcosa o battevate con il martello per un chiodo o altro, suonava come vuota.  Un suono strano, diverso rispetto a quello delle altre spesse pareti della masseria. Finché un bel giorno presi dalla curiosità, vi siete armati di attrezzi […]

Personaggi neretini

Un simpatico personaggio neritino dei tempi andati TOTO’… LU PACCIARIEDDHU di Emilio RUBINO Erano in molti a considerarlo un matto, ma non lo era affatto. Totò era invece un po’ sventatello, svagato, imprudente, uno insomma che nel fare le cose si lasciava andare facilmente, senza troppo pensare. Proprio per questo suo modo di fare, spesso veniva a trovarsi in situazioni poco piacevoli e, a volte, ingarbugliate e serie. I neritini ormai accettavano le sue “malefatte” perché intuivano che, in fondo a quelle ingenue spontaneità, non vi era alcuna furberia o cattiva intenzione. La gente lo tollerava, quasi con benevolenza, sapendo che aveva a che fare con un uomo che non […]

Il Salento da visitare

Sant’Eufemia a Tricase La Madonna del Gonfalone, la Maddalena e le lucertole di Massimo NEGRO Sotto un sole sadicamente infuocato, in uno dei fine agosto più assolati che si ricordino, in macchina mi dirigo verso il Borgo di S. Eufemia a Tricase. Superato Lucugnano in direzione di Alessano, poco l’uscita del centro abitato si incontra un incrocio con l’indicazione della meta pomeridiana: la cripta basiliana della Madonna del Gonfalone. Giungo un’ora prima che inizino le funzioni religiose, mentre i venditori ambulanti iniziano a sistemare la loro mercanzia ai margini della strada. Un po’ nei cofani delle macchine o sulle api, la maggior parte dei loro oggetti, cesti e terrecotte, poggiate […]

Ambasciatori del tempo che fu

Gli ambasciatori dell’amore di Emilio Rubino I menestrelli sono stati nel medioevo i primi ambasciatori d’amore, esibendosi sotto la finestra della “corteggiata” con musiche e canti melodiosi e struggenti. Ma cosa succedeva nella nostra Nardò negli ultimi due secoli? In tema d’amore, i “messaggeri” o gli “ambasciatori” (da non confondere con i “traminzani”, con coloro, cioè, che s’interessano di combinare fidanzamenti o matrimoni), assumono un ruolo di primaria importanza, sicché nel solco della tradizione erotico-folklorisitca della nostra gente si è venuto a creare un vero sostrato culturale sinora tramandatoci solo oralmente dai tempi antichi sino ai nostri giorni. Gli ambasciatori dell’amore sono tanti e tanti, quanti la fantasia dei cuori […]

Lu ditteriu

LU DITTERIU Il popolo, quando parla, sentenzia di Piero Vinsper Unde abii redeo: torno al punto di partenza, cioè riprendo a parlare dei ditteri galatinesi, di quei proverbi che, data la ricorrenza della Natività, riguardano le donne e mettono in luce le loro virtù, i loro pregi e soprattutto i loro difetti. D’altra parte Nuddhra lingua aggiu ‘mparatu de nuddhra sacciu nienti ma viddhra de lu tata sta mi scioca ‘nthr’alli dienti Non ho imparato nessuna lingua, di nessuna so niente, ma quella di mio padre, in dialetto, mi sta giocando e ballando in bocca tra i denti. Fèmmana culimpizzata né pe mujere né pe cagnata Bisogna stare alla larga, […]

Nelle viscere del Salento

Un viaggio nelle antiche miniere di tufo di Cutrofiano di Massimo Negro   “Ci fazzu? … Vau te sulu?” “Sine, poti scire te sulu”, rispose l’anziano proprietario; poi rivolto a suo fratello, che nelle intenzioni iniziali mi avrebbe dovuto accompagnare, disse preoccupato: “Dici ca se perde?” “None, comu face cu se perde” lo rassicurò il fratello, quindi guardandomi disse: “Bona passeggiata e… me raccumandu cu no te perdi!”. Salutai i due e mi avviai a piedi verso l’ampia entrata della cava. Prima di giungere a quel giorno, però, è bene raccontarvi gli avvenimenti precedenti. Erano passati parecchi mesi da quando mi presentai per la prima volta ad una delle cave […]

Sposarsi

Cosa erano costrette a fare le giovani d’un tempo Donne da maritare di Emilio Rubino Il sogno o il bisogno di avere un uomo tutto per sé inizia a essere avvertito dalle ragazze ancor prima di raggiungere l’età puberale. Infatti, già nella pre-pubertà, la bambina si pone il problema di sapere come nascono i bambini e non è raro che si metta a fare la mamma o la moglie. Quando, poi, l’adolescente comincia a “mpizzutare” (età puberale), quei primi larvati desideri si tramutano in bisogni concreti e assillanti alla ricerca dell’uomo della propria vita. Ma come procurarselo? Per arrivare a ciò ogni donna fa ricorso a mille e mille espedienti. […]

Risorse femminili

Fatto realmente accaduto a Nardò nell’ultimo dopoguerra L’ALLEGRA FAMIGLIOLA Grazie alle malie e seduzioni, la donna è sempre riuscita a risolvere qualsiasi problema di Emilio Rubino Antonio, un buon padre di famiglia, tutto casa e lavoro, una mattina, approfittando della splendida giornata, decise di portare in campagna anche il figliolo, di appena sei anni, e l’avvenente moglie, oltre che l’asina. Per educazione ricevuta e per gentilezza d’animo, Antonio fece accomodare la moglie in groppa all’asina, mentre lui e suo figlio procedettero a piedi. Per arrivare nel loro piccolo podere, situato al di là della città, dovevano attraversare tutta Nardò. Tutto ciò faceva immenso piacere all’uomo, poiché avrebbe messo in mostra […]

I dolci e le feste religiose

Riti religiosi e riti gastronomici LA PASQUA E L’AGNELLO SACRIFICALE di Giorgio Liaci Al mattino, nel villaggio di Betania, alle pendici del monte degli Ulivi, i cattolici greci festeggiano la resurrezione di Lazzaro. Dal pomeriggio sino alla notte inoltrata i francescani cantano e pregano sul Santo Sepolcro. Così alla vigilia della Domenica delle Palme, e così da molto secoli inizia a Gerusalemme la settimana santa dei cristiani. La città sacra, durante questa settimana, è particolarmente affollata di pellegrini. Chi si reca in Terra Santa respira l’atmosfera mistica di cui è pervasa Gerusalemme e, quando la festa cristiana  coincide con quella ebraica con la cerimonia della cena rituale, si sentono i […]