L’allegra famigliola

Fatto realmente accaduto a Nardò nell’ultimo dopoguerra L’ALLEGRA FAMIGLIOLA Grazie alle malie e seduzioni, la donna è sempre riuscita a risolvere qualsiasi problema di Emilio Rubino Antonio, un buon padre di famiglia, tutto casa e lavoro, una mattina, approfittando della splendida giornata, decise di portare in campagna anche il figliolo, di appena sei anni, e l’avvenente moglie, oltre che l’asina. Per educazione ricevuta e per gentilezza d’animo, Antonio fece accomodare la moglie in groppa all’asina, mentre lui e suo figlio procedettero a piedi. Per arrivare nel loro piccolo podere, situato al di là della città, dovevano attraversare tutta Nardò. Tutto ciò faceva immenso piacere all’uomo, poiché avrebbe messo in mostra […]

La canzone del brigante

‘A canzone d’o brigante Amme pusatu chitarre e tammuri Pecchè ‘sta musica s’ha da cagnà Simme briganti e facimme paura E cu ‘a scuppetta vulimmu cantà. E mo cantammu ‘na nova canzone Tutta la gente se l’ha dda ‘mparà. Nuje cumbattimmu pe’ ‘o Re Burbone, ‘A terra è nosta e nun s’ha dda tuccà. Chi ha viste ‘o lupo e s’è miso paura Nu sape bbuono qual è ‘a verità. ‘O vero lupo ca magna ‘e creature È ‘o piemontese c’avimme a caccià Tutt’e paise d’a Baselecata Se so’ scetate e vonno luttà, pure ‘a Calabria s’è arrevutata E ‘stu nemico ‘u facimme tremmà. Femmene belle ca date lu core […]

La nascita nel mondo classico

LA NASCITA NEL MONDO CLASSICO L’ingresso nella vita e nella società di Tullia Pasquali Coluzzi e Luisa Crescenzi Il momento più importante del percorso umano è quello del passaggio dal seno materno al seno della famiglia, ma è anche il più difficile, tanto che la sua pericolosità, sottolineata oggi dal detto popolare “Lascia il fuoco ardente e corri dalla partoriente”, veniva percepita già dai primitivi: al momento del parto uomini armati presidiavano la porta della capanna e con sonagli vari tenevano lontani gli spiriti malvagi. La donna greca e quella romana partorivano sedute, generalmente, su una sedia con un’apertura a mezza luna nel fondo; la levatrice poteva, così, intervenire manualmente, […]

La ‘ngiuria

LA ‘NGIURIA di Piero Vinsper Per risalire all’origine del soprannome bisogna andare indietro nel tempo. Nell’antica Roma i cittadini liberi perlopiù avevano il praenomen, il nomen e il cognomen. Il praenomen corrispondeva, per così dire, al nostro nome di battesimo; il nomen indicava la gens, complesso di più famiglie, legate tra loro da comunanza di nome, origine, costumanze (specialmente religiose); il cognomen indicava la famiglia. Le donne, invece, erano indicate solamente con il nome della gens: Julia, Cornelia, Caecilia, Octavia. Frequentemente era fra i Romani l’uso dell’adozione; colui che era adottato prendeva il nome dal padre adottivo, ma vi aggiungeva, trasformandolo in aggettivo terminante in anus, il nome della gens […]

La spina del Vescovo

Una torbida vicenda neritina di tanti secoli fa LA “SPINA” DEL VESCOVO Anche nei periodi più bui, la giustizia, seppure tra tanti stenti, ha fatto il suo corso di Emilio Rubino Qualche volta, quando l’animo umano è tormentato da una forte emozione o dal dolore per una spiacevole traversia, si usa dire che quell’evento “ci ha punto il cuore”. Cos’è che può provocarci una sensazione così intensa, se non una “spina”? Di spine ci sono tante, tutte pungenti, tutte dolorose e mai piacevoli. Ci sono “spine incarnite”, che, in alcuni casi, sono difficili da estrarre, perché penetrate troppo in fondo; ci sono “spine velenose”, che, oltre a provocare un forte […]

Storie neretine

Storia veramente accaduta tanti anni fa a Nardò LA CAPU TI MUERTU La stupidità di certa gente non conosce limiti, così come l’arguzia di tanta altra. di Emilio Rubino Questo aneddoto – trasmesso alcuni anni fa da Radio Nardò Uno, e ora riproposto ai lettori de “Il filo di Aracne” – non è un racconto immaginario partorito dalla fervida fantasia di un buontempone, ma un avvenimento realmente accaduto nelle campagne neritine all’inizio dello scorso secolo. Vi era un giovane contadino, che, sobbarcandosi a enormi sacrifici quotidiani, era riuscito a impiantare un orto nel suo piccolo podere. L’uomo, infatti, dopo aver “scapulatu” da altri fondi, cioè dopo aver compiuto una faticosa […]

Il sacrestano innamorato

Gisarino il sacrestano eternamente innamorato Non si sa quand’egli sia nato, e si conosce appena il periodo della sua dipartita, che i più anziani del paese concordano nel circoscrivere intorno al 1930. Qualcuno lo ricorda come un bullo impenitente, ma era piuttosto un semplice bonaccione che credeva eccessivamente in sé e nelle sue improbabili virtù amatorie, nonostante fosse alquanto “stagionato”, e contasse almeno una settantina di primavere. Come la gran parte del popolino di quei tempi, era per di più analfabeta, e il non saper leggere né scrivere gli creava un grosso problema, essendo sempre alla ricerca di “avventure” galanti con le donne che frequentavano la Chiesa di San Domenico […]

Le lettere di Coco Lafungia

Lo scippo di Pino Indini Caro fratello datosi che moglierima mi aveva fatto una vernia perchè quando che va al mercato si ritira carica como una ciuccia quasi che io nolla iuto mai ho deceduto che andavo pure io la quale aveva tantanni che non andavo. Notti dico caro fratello come che ho rimasto quando sono veduto tutto quel rivotolo d’aggente che camminavano uno sobbra all’altro che non si conosceva più raggione e ci stavamo pure un terramoto di foresti che sarebbero Lamericani dell’Anato che si cattavano le robbe americane al pidocchietto. Mentre che mi stavo custando tutti li straconzi e varrattoli delle bancarelle che quasi quasi mi ricordavo del […]

La comunicazione

Tra  etica ed estetica, il bello della comunicazione di Rita Toscano L’avvento del web ha provocato uno scossone che ha dato e continua a dar luogo a reazioni contrastanti.  Favorevoli o avverse, in ogni caso,  registrano un divario tra generazioni, non solo di carattere tecnico e culturale. Non è sufficiente, infatti, per  passare la nuova frontiera,  riconoscere il primato della comunicazione mediatica, tentare di correre alla velocità straordinaria con la quale viaggiano le innovazioni tecnologiche, moltiplicare l’uso  di  tutti i  canali  emergenti. In un contesto così dinamico, diventa indispensabile  avere una bussola. Mantenere saldi riferimenti per potersi orientare in sistemi che si presentano sempre più complessi e  nei quali la  […]

Lu ditteriu (1)

Esempio tangibile della saggezza popolare LU DITTERIU Il popolo, quando parla, sentenzia di Piero Vinsper L’argomento che stiamo per trattare potrebbe urtare la suscettibilità di qualche persona. Però, se noi accendiamo la televisione, assistiamo, quotidianamente, a tante scempiaggini, a tante nefandezze, a tanti sproloqui, a linguaggi d’angiporto, che ci fanno arricciare il naso. Si parla di escort, di lucciole, di passeggiatrici, di peripatetiche, di trans, di etero, ma in sostanza, mutatis mutandis, sempre di puttane o pseudo tali si tratta, siano esse di alto e medio borgo o semplici bagasce. Il lettore avrà capito, di certo, che prenderemo in considerazione le puttane, o meglio, i proverbi galatinesi in cui compare […]

Modi di dire dialettali

Ancora presenti nella vita di oggi Modi di dire dialettali Espressione semplice e colorita del linguaggio popolare di Piero Vinsper Ho sempre sostenuto che il dialetto è la lingua dell’anima: una lingua profonda che esprime preghiere, pene, desideri, allegria, rabbia, nostalgia. Una lingua a volte cupa, ruvida, scarna, a volte concreta, immediata, spontanea. Una lingua nella quale forme, espressioni, atmosfere, suggestioni si mescolano e si confondono, una lingua nella quale si può individuare un’espressione genuina della storia della cultura di un popolo. E i modi di dire rappresentano il senso realistico di una espressione semplice, chiara, colorita, spesso arguta e a volte canzonatoria, che va aldilà di ogni metafora e […]

Storie di ordinaria stupidità

Quando eravamo piccini la nonna ci raccontava… INSOLITE STORIE DI STRAORDINARIA STUPIDITÁ di Emilio Rubino C’era una volta un signore, padre di tre figlie. Un giorno quest’uomo, durante il pranzo,  pregò la più piccola di scendere in cantina a prendere un po’ di vino. Intanto che versava il vino nella brocca, la ragazza pensò che sarebbe stato bello trovarsi un fidanzato, sposarsi e poi avere un figlio. Mentre così fantasticava, le sorse un dubbio atroce. – “E ci poi more?!”. E cominciò a piangere a più non posso. – “Ahi, ahi, fìgghiu mia!… Ahi, ahi, fìgghiu mia!”. E lì si fermò a lungo in un mare di lacrime. Il padre, […]